Cuore di luna…

Ieri notte una frase di un film e la luna nel cielo mi hanno fatto pensare..

E se il cuore, che è un muscolo, si comportasse come tale, e solo dopo una lunga sollecitazione e un profondo allenamento al dolore potesse raggiungere lo stato di placido benessere simile a quello che segue un allenamento fisico intensivo?
“C’è tanta solitudine in quell’oro.
La luna delle notti non è la luna che vide il primo Adamo.
I lunghi secoli della veglia umana l’hanno colmata di antico pianto.
Guardala.
E’ il tuo specchio. “
Jorge Luis Borges

Senza Categoria

Astralla View All →

Combatto tutti i giorni perchè questa visione limpida rimanga nelle mie corde, come se lo sguardo fosse sempre quello di un bambino, come un suono puro.

7 Comments Lascia un commento

  1. Alla luna

    O graziosa luna, io mi rammento
    Che, or volge l’anno, sovra questo colle
    Io venia pien d’angoscia a rimirarti:
    E tu pendevi allor su quella selva
    Siccome or fai, che tutta la rischiari.
    Ma nebuloso e tremulo dal pianto
    Che mi sorgea sul ciglio, alle mie luci
    Il tuo volto apparia, che travagliosa
    Era mia vita: ed è, nè cangia stile
    O mia diletta luna. E pur mi giova
    La ricordanza, e il noverar l’etate
    Del mio dolore. Oh come grato occorre
    Nel tempo giovanil, quando ancor lungo
    La speme e breve ha la memoria il corso
    Il rimembrar delle passate cose,
    Ancor che triste, e che l’affanno duri!

    Giacomo Leopardi

    La osservo spessisimo anche io, tanto da parlarci insieme!

    Mi piace

  2. avvolte sono solito ripetermi questo mantra: “il dolore è solo la debolezza che esce dal nostro corpo”.
    ma lo sconsiglio, è abbastanza da masochisti.
    vedendola con più luce, il cuore forse diventa più forte se ad allenarlo sono le cose felici, non quelle dolorose.

    Mi piace

  3. Sonia e Viola…è vero, la luna è magnifica, quasi inquietante quando è piena nel cielo, di certo un pò magica! 😉

    Bunny chan…io non credo che serva aggiungere dolore al dolore per esserne immuni, solo abituarsi a considerarlo un vicino di casa scomodo ma presente…in modo da non averne paura 🙂

    Hertz…anche io ho avuto per anni una tecnica masochista come la tua, sopportando una situazione scomoda e dolorosa, fino a poterne tirare le fila senza dover lasciare nulla indietro. Ma ora so che posso resistere a tutto. Un abbraccio 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Zana Aprillia

ONLINE NOTEBOOK

Korean Poetry in Translation

A collection of contemporary Korean poetry in translation

Suoni diversi beccati sul mio cuore

Quali immagini se non quelle del cuore?

La mia pasticceria

"Non c'è nessun dolce che può accontentare il palato se non è raccontato."

I tesori di Amleta

Qualcosa appare e scompare tra tanto buio e luce

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

il tempo di un caffè

riflessioni leggere in un mondo un po' pesante

Silosoforse

🎼🎹🎧 📸 ✍️ 🧳 musica, fotografia, poesia, viaggi, arte e pura follia🌺

Canzoni. Parole per te. Songs. Words for you.

Songs. Words For You. Racconto di te: che questo tempo mi hai dato. Scrivo di te: che questo tempo mi hai cambiato.

Il Confessionale di Luce Argentea

"Vivere non significa sopravvivere, ma dare energia al mondo e in primis a noi stessi!"

SkyWalk Viaggi

Tailor Made Travel

In viaggio con me

Devi vivere una vita avventurosa per raccontare storie straordinarie

Walking Mirrors

A simple diary of a low-fi walker

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Sicurezza

Sicurezza formazione informazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: