La mia casa – 8 ottobre 2005

E’ passato un anno esatto dal giorno in cui Orso ed io abbiamo scelto di camminare verso una vita a due, mano nella mano.
E’ stato un anno bellissimo, ricco, gioioso, incredibilimente felice.
Ora come ora posso dire che prima di averlo conosciuto, anche con le importanti esperienze precedenti a lui, non avevo davvero idea di cosa fosse la piena felicità. Che ti permea e ti permette di avere fiducia infinita verso il futuro e la vita.
Conto fermamente che le cose non cambieranno con il passare del tempo e Orso è con me nel pensarlo.

Voglio ricordare con voi l’8 ottobre 2005 con quella che fu la prima poesia, se così si può chiamare, che ho affidato col cuore al cuore del mio Cucciolo.

“LA MIA CASA

E’ riso,
gioia allo stato puro,
lampo!

Gioia gioia gioia!
Ti ho trovato, sulle note
di una vecchia canzone…..finalmente…..

Sei tu che mi specchi, che illumini questo sorriso…

Forse sei un sogno cercato nel sonno,
un piccolo discreto elfo ha appoggiato il tuo profumo sul mio cuscino?

O forse sei il suono di un pallone lanciato in aria a fendere il vento e a far strada ai desideri?

Sei tu, con la tua voce che mi accompagna nel sonno….
sei tu, con la tua risata al telefono che mi si pianta nel cervello….
sei tu
sei tu
sei tu
notte, giorno, sempre…!

Si può impazzire dalla gioia?
Ridere mentre si piange, volare mentre si è ancorati alla terra, vedere il mondo con occhi di fata?
Si può scoppiare dalla gioia?
Si può…? Dimmelo ti prego dimmelo…
perchè mi sta succedendo qualcosa
che mi stringe le viscere e mi anestetizza in un mondo di ossigeno puro…

Ti ho trovato…
Ti ho trovato….
Ti ho trovato!
Lo urlo al sole, alla luna e alle stelle,
al mio elfo di casa e alla strada e alla città!
Ti ho trovato!
Lo sussurro al mattino nascente e alla notte splendente!
Ti ho trovato
Mi hai trovato….

Che gioia che gioia che gioia!
sono finalmente tornata a casa…..

E sono felice.

Lara”

8 pensieri riguardo “La mia casa – 8 ottobre 2005

  1. Quando stai bene con una persona non ti accorgi del tempo che passa .. non ti annoi stai bene anche con lunghi silenzi..non serve stare sempre insieme per sentirsi vicini!
    Spero che anche l’anno che verra’ potra’ darti la stessa felicita’ che questo 🙂

    Mi piace

  2. Ciao a tutti 🙂 e grazie per le vostre parole…
    Sì le donne innamorate bevono spesso da sorgenti di poesie.

    Ma la cosa che più mi rende sicura è l’assoluta certezza di quello che ci tiene vicini. E’ bello e quasi strano 😉 E il tempo che passa è pieno di vita anche senza voce.

    Ps. Silvia…si, tu eri presente allora e ci sei vicino passo a passo ora. Grazie. :*

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...