Una goccia di pioggia sul vetro

Sposto lo sguardo verso l’esterno della finestra…


Una goccia di una pioggia appena accennata ma stancante si incolla sul vetro.
Fuori è grigio e la particella liquida e trasparente riflette le immagini degli alberi con un bagliore di cristallo.
E’ greve, appesantita dalla gravità e lentamente si allunga fino a quando cede, disfatta alla pressione, lasciando dietro sè una coda luminescente e bagnata, come una cometa. Come di pianto.
Percorre il vetro, grigia cupa nei confini e sempre più traslucida al centro, per effetto della luce.
Allunga la corsa, frantumata in altre gocce figlie di una lacrima caduta, degli stessi colori e pronte anch’esse ad una vita in discesa, sempre più fragile, eterea della sua interezza mancata, fino a raggiungere la base del vetro, aggrappandosi di riflesso al metallo, riposando un attimo per un sospiro.

E ripristinando la sua parziale integrità con l’unione casuale con le goccie figlie a concludere la loro corsa, con un “flup” di aggregazione e un tremito, prima di ripartire, rinvigorita, nel pendio verticale dell’infisso slavato e infine raggiungere l’intonaco sporco a creare una impronta di umido colore, aspettando di svaporare. Nell’attesa di ricadere nel prossimo non mai di una goccia di pioggia rinata dal cielo.

Il tempo è fisso.


E’ uno specchio del silenzio, questo, dove i suoni sono assenti, c’è traccia di un movimento antico, il bagliore dell’opalescente riflesso, la tristezza nascosta dell’immagine, il collegamento mentale alle lacrime.
E’ una foto di un momento. Senza parole. Ma con l’intenso significato che il silenzio, nel silenzio, fa tuonare e acutamente penetrare. Il tutto nella silenziosità di un’immagine visiva, bella seppur triste.

.

.

Con questo mi inchino, vi abbraccio e vi auguro un buon Ponte Dell’Immacolata, che pausa sarà, anche per me, che andrò in montagna con Orso per un breve week end di respiro!

A lunedì, amici :)!

Sensazioni Silenzio

Astralla View All →

Combatto tutti i giorni perchè questa visione limpida rimanga nelle mie corde, come se lo sguardo fosse sempre quello di un bambino, come un suono puro.

12 Comments Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

wwayne

Just another WordPress.com site

Andrea Federici - Travel photographer

My shots around the world

RUMORE

Interferenze radio e disturbi di segnale

ORME SVELATE

la condivisione del dolore è un dono di amore da parte di chi lo fa e di chi lo riceve

La Mia Visione Della Vita

La nostra realtà è un caleidoscopico ed ignoto viaggio onirico

UnUniverso

Un Mondo Migliore

l'arte dei pazzi

a pazziella mman'i criature

MadinChina

Informazioni, curiosità e storie di ordinaria follia direttamente da Pechino

La poesia porta lontano - Poetry goes far away - 🇮🇹

Marco Vasselli's blog from 2006 - Powered by Sabina , Laura Lena Forgia, Alexis Ghidoni , Anna Guarraia, Carlo Gori, Giusy Brescianini♥ Dodicesimo anno ♥

🇰🇷Francesca in Corea🇰🇷

Una ragazza italiana in Corea del Sud

Atti effimeri di comunicazione

Collage poetici, prosa breve e oggetti sommersi.

adesempiopartire

risposta singola a domande multiple

Tutto sulla mia psicopatica vita almeno sine a quando ne avrò una

Parlerò di me della mia follia I miei pensieri e sogni irrealizzabili vi sfido a seguirmi

Lächeln.

Book of a Fangirl

luca701

DI TUTTO UN PO'

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: