La bicicletta

Amanti in bicicletta

 

Nel week end abbiamo fatto una bella scampagnata in bicicletta nella piana padana.
Qualche ora di riposo mentale e di fatica fisica dallo stress accumulato sul lavoro in queste due settimane cariche, ridondanti di cose da fare…

La bicicletta piace, tanto, persino ad una antitesi dello sport come me.
Sarà perché pedalando la fatica è allungata ma costante e non ci sono eccessi, non c’è altro che il rumore delle ruote che scivolano sulla strada.
In Romagna poi la bicicletta è amata, quasi come i motori, è scritta nei muscoli e nel respiro.
E il senso del tutto si trova lì, nel paesaggio variabile, nelle morbide curve di ombra e luce, quasi corpi, a salire verso l’Appennino e nel piatto allungato del ventre della pianura.
Quando afferro quell’arnese strano, tonde ruote larghe, cilindri di metallo luccicante e i suoi pedali, sento nel volto la luce del sole.
Qualche saltello, per prendere velocità e via, i miei piedi assumono il controllo del movimento, che è ritmico e raccolto, mentre il corpo protende i suoi sensi all’esterno.
L’aria è come acqua in bicicletta, ha la fluidità dell’acqua quando lambisce il volto e rimane indietro, ha il suo rumore nelle orecchie, il suo fluttuare…E’ una carezza.

La bicicletta non chiede ma dona, lenta ma veloce, come una mamma permette al bimbo di volare sulle nuvole della fantasia, osservando i dettagli sfuggenti che l’occhio non coglie nella fretta della corsa delle auto.

E nel percorso colgo l’odore verde del prato e il profumo di fiori, il punzecchiare e il fischiare degli insetti nell’aria e il solleticante contatto dell’erba sulla pelle nuda, il movimento ritmico della sella e il controllo inconscio delle mie mani sul manubrio.
Raccolgo le forze e balzo in salita, sentendo i muscoli flettersi e allungarsi, vivi, e accolgo la discesa come un regalo, la stessa sensazione di quando da bambina mi lanciavo ridente percorrendo volute fantasiose nelle curve di un’altalena.

E l’arrivo infine è un ritornare, traboccanti di stanchezza e sorriso.

E come dice H.G. Wells:
«Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per la razza umana ci sia ancora speranza»

Allegria Amore Colori Magia Natura Ricordi Sensazioni Vita

Astralla View All →

Combatto tutti i giorni perchè questa visione limpida rimanga nelle mie corde, come se lo sguardo fosse sempre quello di un bambino, come un suono puro.

2 Comments Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Suoni diversi beccati sul mio cuore

Quali immagini se non quelle del cuore?

La mia pasticceria

"Non c'è nessun dolce che può accontentare il palato se non è raccontato."

I tesori di Amleta

il mio mondo diverso

Antonella Lallo

Lucania la mia ragione di vita

il tempo di un caffè

riflessioni leggere in un mondo un po' pesante

Silosoforse

🎼🎹🎧 📸 ✍️ 🧳 musica, fotografia, poesia, viaggi, arte e pura follia🌺

Canzoni. Parole per te. Songs. Words for you.

Songs. Words For You. Racconto di te: che questo tempo mi hai dato. Scrivo di te: che questo tempo mi hai cambiato.

Il Confessionale di Luce Argentea

"Vivere non significa sopravvivere, ma dare energia al mondo e in primis a noi stessi!"

SkyWalk Viaggi

Tailor Made Travel

In viaggio con me

Devi vivere una vita avventurosa per raccontare storie straordinarie

Walking Mirrors

A simple diary of a low-fi walker

Evaporata

Non voglio sognare, voglio dormire.

Sicurezza

Sicurezza formazione informazione

Terracqueo

multa paucis

Viaggia con Mia

Pillole di viaggio per viaggiatori in cerca di ispirazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: