La bicicletta

Amanti in bicicletta

 

Nel week end abbiamo fatto una bella scampagnata in bicicletta nella piana padana.
Qualche ora di riposo mentale e di fatica fisica dallo stress accumulato sul lavoro in queste due settimane cariche, ridondanti di cose da fare…

La bicicletta piace, tanto, persino ad una antitesi dello sport come me.
Sarà perché pedalando la fatica è allungata ma costante e non ci sono eccessi, non c’è altro che il rumore delle ruote che scivolano sulla strada.
In Romagna poi la bicicletta è amata, quasi come i motori, è scritta nei muscoli e nel respiro.
E il senso del tutto si trova lì, nel paesaggio variabile, nelle morbide curve di ombra e luce, quasi corpi, a salire verso l’Appennino e nel piatto allungato del ventre della pianura.
Quando afferro quell’arnese strano, tonde ruote larghe, cilindri di metallo luccicante e i suoi pedali, sento nel volto la luce del sole.
Qualche saltello, per prendere velocità e via, i miei piedi assumono il controllo del movimento, che è ritmico e raccolto, mentre il corpo protende i suoi sensi all’esterno.
L’aria è come acqua in bicicletta, ha la fluidità dell’acqua quando lambisce il volto e rimane indietro, ha il suo rumore nelle orecchie, il suo fluttuare…E’ una carezza.

La bicicletta non chiede ma dona, lenta ma veloce, come una mamma permette al bimbo di volare sulle nuvole della fantasia, osservando i dettagli sfuggenti che l’occhio non coglie nella fretta della corsa delle auto.

E nel percorso colgo l’odore verde del prato e il profumo di fiori, il punzecchiare e il fischiare degli insetti nell’aria e il solleticante contatto dell’erba sulla pelle nuda, il movimento ritmico della sella e il controllo inconscio delle mie mani sul manubrio.
Raccolgo le forze e balzo in salita, sentendo i muscoli flettersi e allungarsi, vivi, e accolgo la discesa come un regalo, la stessa sensazione di quando da bambina mi lanciavo ridente percorrendo volute fantasiose nelle curve di un’altalena.

E l’arrivo infine è un ritornare, traboccanti di stanchezza e sorriso.

E come dice H.G. Wells:
«Ogni volta che vedo un adulto in bicicletta penso che per la razza umana ci sia ancora speranza»

Allegria Amore Colori Magia Natura Ricordi Sensazioni Vita

Annunci

Astralla View All →

Combatto tutti i giorni perchè questa visione limpida rimanga nelle mie corde, come se lo sguardo fosse sempre quello di un bambino, come un suono puro.

2 Comments Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

Mirtillamalcontentabook

Se accanto alla libreria hai un giardino, allora non ti mancherà nulla! -M. Tullio Cicerone

Etiliyle © -poetry and photography ™

Etiliyle © - la poesia in una fotografia ™

Morgana Dragonfly 🐩✈🌎💖📷📚📝

Live in the present without time

Viaggia con me

Classicista sovversivo, contemplativo con vigore

orearovescio

scrivere è entrare nelle ore a rovescio

infuso di riso

perchè nella vita ci sono poche ore più gradevoli dell'ora dedicata alla cerimonia del te pomeridiano (H. James)

OpinioniWeb-XYZ

Oltre il bar dello sport: opinioni consapevoli per districarci nel marasma delle mezze verità quotidiane!

FRANZ

un navigatore cortese

Brezza d'essenza

"Quando scrivo dimentico che esisto, ma ricordo chi sono". (Maria D.)

unapasteisperbene

un diario di bordo alla cannella. come kirk. alla cannella.

Diecimila Miglia

Riflessioni sparse intorno al Mondo

Mauro in Asia

il sud-est asiatico con passione

Pensieri Scritti - l'essenza - io esisto

- Si crea ciò che il cuore pensa - @ElyGioia

Il Canto delle Muse

La cosa importante è di non smettere mai di interrogarsi. La curiosità esiste per ragioni proprie. Non si può fare a meno di provare riverenza quando si osservano i misteri dell'eternità, della vita, la meravigliosa struttura della realtà. Basta cercare ogni giorno di capire un po' il mistero. Non perdere mai una sacra curiosità. ( Albert Einstein )

Viaggio al termine della notte

Alla fine della notte c'è un viaggio da iniziare..

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: